10 cose da sapere su Ancona: curiosità e misteri del capoluogo delle Marche

10 cose da sapere su Ancona: i misteri e le curiosità del capoluogo delle Marche

Per apprezzare le curiosità della città ed entrare nei suoi misteri ci sono 10 cose da sapere su Ancona che non si può fare a meno di conoscere e ricordare.

Che si tratti di Ancona o di qualsiasi altro luogo, per apprezzare davvero una città, oltre ai monumenti e alle bellezze naturalistiche, alle persone e alla storia, occorre conoscerne anche i dettagli inconsueti, le curiosità, i misteri e le tradizioni che la rendono unica: ecco 10 cose da sapere su Ancona che renderanno il vostro viaggio più intrigante e avventuroso.

Che dire poi di chi ad Ancona ci vive e, forse proprio perché ritiene i luoghi che frequenta quotidianamente quelli che più conosciuti, non si è mai chiesto le ragioni di un nome o le origini di una tradizione: anche per un anconetano doc le 10 cose da sapere su Ancona che raccontano le sue curiosità e i suoi misteri diventano indispensabili.

Ancona e il suo nome
Dal greco  Αγκῶν (Ankòn) ovvero gomito, il nome di Ancona deriva dalla forma del promontorio, il Colle Guasco, su cui la città è sorta nel 390 a.C., fondata da esuli greci, fuggiti da Siracusa dove regnava incontrastato il crudele tiranno Dionisio.

Statue miracolose
Tra le 10 cose da sapere di Ancona vi sono anche alcune curiosità storico artistiche: il Duomo di San Ciriaco, ad esempio, custodisce al suo interno la statua di una Madonna miracolosa, oggetto di grande venerazione popolare, che, secondo la leggenda, avrebbe più volte risollevato le sorti della città colpita dalla peste.

Piazza del Plebiscito
Di curiosità e mistero è ricca anche piazza del Plebiscito nel centro storico cittadino dove, vicino alla statua di papa Clemente XII, è possibile osservare una fontana con delle decorazioni che ricordano le teste mozzate degli anconetani giustiziati in quel luogo nei secoli scorsi.

L'orologio a 6 ore
Sul palazzo degli Anziani è collocato un orologio tarato su 6 ore anziché su 12 ore. Si tratta di un orologio a ore romane o italiche (differente da quello a 12, a ore francesi o oltremontane), fatto adottare dalle truppe di Napoleone durante l'occupazione della città. L'orologio a 6 ore conta le ore dal tramonto del sole al tramonto successivo e suddivide la giornata di 24 ore in 4 intervalli di 6 ore ciascuno; l'orologio ha una sola lancetta che fa 4 giri in un giorno, ogni giro corrisponde a 6 ore.

Il Parco del Conero
Tra le 10 cose da sapere su Ancona che renderanno il vostro viaggio più avventuroso e intrigante vi è anche una curiosità relativa al Parco del Conero: la leggenda vuole che nei boschi del parco si sentano ancora i lamenti di Giana, una mitica dea immortale che piange il figlio ucciso dai pirati che, in epoca rinascimentale e moderna, raggiungevano Ancona dalla Dalmazia per compiere molte scorribande. Secondo alcuni questi stessi corsari avrebbero nascosto anche molti tesori nel territorio anconetano.

Gli ebrei a Ancona
Per rimanere alle curiosità e ai misteri degli itinerari naturalistici anconetani non possiamo non dimenticare che all'interno del Parco del Cardeto è presente un cimitero degli ebrei che testimonia un'importante presenza attestata fin dall'anno 1000, con una delle più fiorenti comunità ebraiche italiane.

Pittori di Ancona
Tra le 10 cose da sapere di Ancona vanno inseriti anche alcuni anconetani illustri: il primo di essi è il grande pittore marchigiano Nicola d'Ancona: attivo nel Rinascimento, seguace di Carlo Crivelli, Nicola d'Ancona è stato uno degli interpreti più fini e sensibili della poetica della scuola crivellesca.

Espolarori anconetani
Tra gli uomini più illustri della città va ricordato anche Giacobbe d'Ancona, un commerciante ebreo che, secondo un antico manoscritto scoperto circa vent'anni fa e pubblicato poi in Inghilterra e negli Stati Uniti, avrebbe effettuato un viaggio in Cina nel 1271 ovvero quattro anni prima di Marco Polo al quale è tradizionalmente attribuito il primo viaggio (1275) di un europeo nel Sol Levante.  

Combattenti di Ancona
Altro anconetano illustre è Augusto Elia che partecipò alla spedizione dei Mille e, a Calatafimi, dimostrò il suo coraggio gettandosi su Garibaldi per proteggerlo da un colpo di pistola. Sopravvissuto all'attentato Augusto Elia divenne, successivamente, comandante della flottiglia del Garda.

Il Vincisgrassi
Tra le 10 cose da sapere su Ancona non potevano mancare alcune curiosità sui piatti tipici e sull'enogastronomia anconetana. Il Vincisgrassi, la tradizionale pasta imbottita del capoluogo marchigiano, molto ricca e gustosa, prende il nome dal comandante austriaco Windsch Graetz che assediò la città con le sue truppe nel 1799.
Sei qui: Home Info e News 10 cose da sapere su Ancona: curiosità e misteri del capoluogo delle Marche

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information